Skip to main content

Articolo originale

Autore: René Groot Bruinderink Regional Director, Commercial & Delivery – UK & Netherlands, South Pole

 

“Non illudetevi: servono ancora miliardi per proteggere le foreste tropicali”, avverte un titolo del Guardian.

Del resto, un recente studio di We Mean Business ha rivelato che per raggiungere gli obiettivi climatici globali è necessario colmare un gap finanziario di 4,1 bilioni di dollari per le soluzioni basate sulla natura. E in occasione della Giornata della Terra, milioni di persone hanno fatto eco al grido di battaglia: #InvestInOurPlanet.

Eppure, il 93% delle aziende non sta né compensando né riducendo il proprio impatto sul clima: in altre parole, non sta facendo nulla per affrontare il cambiamento climatico.

Questa situazione deve cambiare.

L’azione per il clima richiede integrità, innovazione e, soprattutto, finanziamenti. Ciò solleva due domande: in primo luogo, quali sono i meccanismi di cui dispongono le aziende per finanziare l’azione per il clima, soprattutto entro il 2030? E in secondo luogo, come possiamo garantire che i finanziamenti producano l’impatto promesso?

Catalizzare le soluzioni climatiche con il Mercato volontario del carbonio (VCM)

Il mercato volontario del carbonio (VCM) offre alle aziende un mezzo efficace per finanziare attività su scala tale da favorire la transizione globale verso le emissioni nette zero. Il potenziale è enorme.

Se 1.700 aziende ad alte emissioni investissero solo il 10% delle loro emissioni in progetti basati sulla natura, si potrebbero mobilitare oltre 1.000 miliardi di dollari entro il 2030. Questi finanziamenti possono aiutare le comunità locali, i proprietari terrieri e le ONG a superare una delle maggiori sfide che devono affrontare: garantire l’accesso ai finanziamenti.

Perché i mercati del carbonio, penserete voi? Non è l’unica soluzione, ma gli investimenti in soluzioni tradizionali sono difficili, in quanto comportano in genere operazioni piccole e aggregate, rischi valutari e strutture proprietarie complesse. I mercati del carbonio, tuttavia, trattano le comunità, gli agricoltori e i proprietari terrieri come partner commerciali, invece di fare un investimento diretto con un ROI finanziario atteso. È importante notare che la finanza carbonica – attraverso l’acquisto di crediti certificati scambiati sui mercati del carbonio – è un modello di pagamento orientato ai risultati: fornisce un modo basato sui risultati per finanziare l’implementazione di pratiche trasformative che non necessariamente producono grandi ritorni finanziari, ma che portano a impatti ambientali e sociali positivi misurabili.

Nei prossimi sette anni, il VCM potrebbe crescere di 13 volte e ridurre ed eliminare fino a 2,6 GT di emissioni di gas serra. Ciò rappresenterebbe fino al 5% delle emissioni globali attuali.

Promuovere un uso efficace e trasparente dei crediti di carbonio

Per ottenere un vero impatto sul clima, le aziende devono attenersi a principi semplici e di alto livello. South Pole ha pubblicato i Principi per l’Uso dei Crediti di Carbonio per sostenere le molte aziende che vogliono investire nel pianeta e nel finanziamento della transizione globale, ma che non sanno come farlo in modo credibile.

  1. Fissare un obiettivo net-zero allineato alla scienza.
  2. Pagare per tutte le emissioni di gas serra inevitabili oggi e nel percorso verso lo zero netto.
  3. Utilizzare crediti di carbonio di alta qualità.
  4. Le aziende devono comunicare in modo trasparente l’uso dei crediti di carbonio.

Fornire soluzioni climatiche ad alta integrità

L’ecosistema del VCM è composto da molti attori diversi, come sviluppatori di progetti, proprietari di progetti, proprietari terrieri e revisori indipendenti; organismi di settore come l’International Carbon Reduction and Offset Alliance (ICROA); e meccanismi strutturali, tra cui standard e metodologie di certificazione. Sebbene il VCM non sia regolamentato, questi attori sono alla base del mercato, creano standardizzazione, sostengono e aggiornano continuamente principi solidi e assicurano impatti reali e misurabili dai progetti che operano all’interno del VCM.

Oltre all’acquisto di progetti con standard di certificazione riconosciuti a livello internazionale, un altro segno distintivo della qualità sono i co-benefici che un progetto produce. In parole povere, i co-benefici sono gli impatti che vanno al di là del carbonio, come ad esempio l’aumento della sicurezza alimentare, la protezione della biodiversità e la creazione di nuovi mezzi di sussistenza sostenibili. Possono anche aiutare le donne a diventare più indipendenti e a migliorare il loro accesso ai servizi di base, come l’acqua, l’istruzione e l’assistenza sanitaria.

Sia Verra che Gold Standard, enti di certificazione leader nel mercato volontario del carbonio, hanno progettato strumenti e persino nuovi standard necessari per misurare e certificare i co-benefici in modo più standardizzato. Anche se c’è ancora molta strada da fare in termini di monitoraggio dei co-benefici, la scelta di progetti con un forte impatto al di là delle emissioni di carbonio garantisce che un’azienda contribuisca a migliorare gli standard di vita locali nel Paese ospitante e, di conseguenza, a una giusta transizione verso il net-zero, dove nessuno viene lasciato indietro.

 

 

Sostenere l’integrità

L’integrità richiede il rispetto di standard di alta qualità nella contabilizzazione del carbonio, nell’addizionalità, nella tutela sociale, nelle attività di progetto e nei co-benefici. Gli standard e le metodologie stabiliscono standard di performance in continuo miglioramento per la rivoluzione ecologica e forniscono un’infrastruttura per il mercato. Per loro natura sono agili e pronti ad adattarsi in modo proattivo e reattivo all’arrivo di nuove tecnologie e conoscenze. È fondamentale che gli attori sostengano metodi di benchmarking armonizzati e accettati a livello globale, in particolare per ambiti sensibili come le soluzioni basate sulla natura (NBS).

South Pole ha parlato diffusamente della complessità e dell’urgenza dei progetti REDD+ (qui e qui), che svolgono un ruolo cruciale nella protezione delle foreste, nella conservazione della biodiversità e nella messa in sicurezza del carbonio irrecuperabile per ottenere una rapida riduzione delle emissioni su vasta scala. L’architettura del VCM integra gli aggiornamenti delle baseline, i progressi tecnologici e le nuove conoscenze per evolvere di pari passo allo sviluppo di best practice. Questa evoluzione sta spingendo il limite delle buone pratiche e invita le aziende a continuare a indirizzare i finanziamenti alle comunità che vivono ai confini delle foreste attraverso il meccanismo REDD+; non possiamo permettere che la perfezione sia nemica del bene.

“Ogni progetto viene sottoposto a un periodo di commento pubblico di circa 30 giorni, in cui chiunque – indipendentemente dal fatto che sia coinvolto o meno nel progetto – può esprimere le proprie osservazioni. Questa trasparenza e inclusione degli stakeholder non è presente in molte, se non in nessuna, delle altre forme di finanziamento del clima” – Chetan Aggarwal, Manager Sustainable Standards and Methodologies, South Pole.

Promuovere l’innovazione per un futuro sostenibile

Da oltre 17 anni, South Pole ha aperto la strada e sviluppato diversi approcci per ottenere un vero impatto climatico su scala. Alcune iniziative hanno fornito insegnamenti preziosi, mentre altre hanno portato a significative riduzioni delle emissioni di carbonio e a benefici per le comunità vulnerabili. Un risultato recente è il NextGen CDR Facility (NextGen), una joint venture tra South Pole e Mitsubishi Corporation. L’impianto ha acquistato quasi 200.000 tonnellate di rimozioni di anidride carbonica (CDR) da tre progetti, tra cui il più grande progetto tecnologico di rimozione del carbonio al mondo, dimostrando un interesse tangibile da parte delle aziende per le varie tecnologie CDR che offrono una rimozione a lungo termine di CO2. Queste azioni stanno contribuendo a spingere i CDR oltre il necessario punto di svolta per renderli rapidamente disponibili a prezzi accessibili.

Conclusioni

Con l’intensificarsi delle crisi globali e l’aggravarsi dei cambiamenti climatici, è necessario agire con urgenza per ridurre le emissioni globali e rivoluzionare il modo in cui possiamo operare entro i limiti del nostro pianeta. Oggi più che mai siamo sotto pressione per sbloccare migliaia di miliardi per aiutare le imprese, le comunità e i governi a realizzare una transizione verso un futuro sicuro e sostenibile. Il VCM è uno dei pochi strumenti a disposizione delle imprese per assumersi la responsabilità del proprio impatto mentre decarbonizzano, soprattutto negli anni cruciali che ci restano fino al 2030.

I meccanismi di mercato hanno dimostrato in modo tangibile di poter essere parte della soluzione per finanziare nuove tecnologie essenziali per il clima, riconoscere il valore dei servizi ecosistemici e dare un prezzo alle emissioni. Usato in modo efficace, il VCM può fornire finanziamenti su vasta scala che contribuiscono a invertire la rotta del cambiamento climatico e a garantire benefici tangibili e misurabili per le persone e le comunità più a rischio a causa della crisi climatica.

Sei interessato ad approfondire la tematica? Scopri di più QUI